Cosa dicono di Andrea

Docente Universitario e Psicoterapeuta

In un ampio e ben documentato studio del dott. Andrea Montesano mette in relazione il Rock con i bisogni psicologici degli adolescenti e dei giovani adulti. Un accostamento importante e sino a ora trascurato. La tesi del libro è che la musica Rock è stata fin dai suoi albori l'espressione di impulsi, desideri, tensioni, affetti, sentimenti, disagi, proteste e ribellioni dei giovani, accompagnandoli nel loro percorso evolutivo.

Giovani artisti, di provenienza, lingue e culture diverse, sono riusciti a dare volti e voci, simboli e significati a questo magma subconscio attraverso la musica. Sono cioè riusciti a far emergere e a trasformare in comunicazione e linguaggio musicale ciò che, se fosse rimasto compresso e represso dentro di loro e nei loro coetanei, avrebbe potuto trasformarsi in violenza oppure in infelicità.

A conclusione della sua analisi e dell'ampio excursus storico l'autore delinea un ben strutturato "progetto psico-educativo attraverso la musica" destinato a trovare una buona accoglienza negli adolescenti, che accompagnati da testi e musica a loro congeniali potranno crescere psicologicamente e formarsi musicalmente.

Giornalista, scrittore, musicista

Andrea Montesano è un ragazzo dai modi garbati che non fa mistero delle sue passioni. Quella per la  musica in primis. Dato che, come diceva il saggio, “friends of music are friends of mine”, io e Andrea ci siamo presi bene, da subito. E ho capito che quello su cui ha lavorato nel corso degli ultimi anni, questa stravagante commistione tra psicologia e rock, è in realtà il punto di incrocio dei suoi due grandi amori.

Sono certo che questo suo libro sia soltanto l’inizio di un percorso interessante, originale e innovativo in grado di trasformare le sue passioni in una nuova, stimolante e divertente professione. Andrea ha tutti i requisiti per farlo, lucidità, determinazione e senso professionale inclusi.

E sono altrettanto certo che, nei momenti di depressione, mi rivolgerò a lui: perché, esiste davvero una cura migliore per la psiche umana che non ascoltare le canzoni dei Beatles, i riff dei Led Zeppelin, la voce di Janis o la chitarra di Jimi?

Psichiatra, Psicoterapeuta, e Cantautore

silvia-carlucci-state-of-mind

Andrea Montesano, psicologo e musicista, quindi inquadrabile anche nella nuova figura di “psicologo del rock”, ha fatto un bello sforzo di integrazione tra le sue due anime per creare un libro molto originale che racconta il possibile uso della musica nella terapia e nell'educazione degli adolescenti.

Un lavoro estremamente interessante e spendibile per se stessi (capire la musica che ascoltiamo), nella relazione con i ragazzi, ed infine nelle scuole come Sportello d'ascolto psicologico annuale. La musica ha un ruolo fondamentale nella costruzione dell'identità dei nostri ragazzi ed un suo uso strategico può avere un grande impatto educativo e terapeutico. Quindi Rock on… caro Dottor Andrea!

Cantautore, Scrittore e Psicologo

Il libro di Andrea Montesano come psicologo e il libro che ha pubblicato è un valido strumento per chiunque creda che il mondo della psicologia e della canzone siano strettamente correlati. Ogni Canzone, infatti, è un contenitore di emozioni, sentimenti, stati d'animo e storie da cui ognuno può attingere e lasciarsi ispirare.

La Canzone è espressione di uno specifico linguaggio attraverso cui comunicare e comunicarsi e, così come la musica, è identificazione e appartenenza. Un bravo formatore ha il compito di “educare all'ascolto” i ragazzi e le persone con cui lavora, portando alla loro attenzione modelli/canzone di riferimento significativi e ponendo l'accento sul valore ed il significato della parola all'interno dei testi.

Il mestiere del compositore ha una grande valenza terapeutica oltreché artistica ed espressiva. E le canzoni sono e resteranno sempre “una cosa” seria.

valeriapini

Valeria Pini

Giornalista Repubblica Nazionale

Cosa dicono di me: la Repubblica

ADOLESCENTI ribelli. Pronti a dire 'No' a regole e imposizioni. Una trasgressione che spesso coincide con l’ascolto di musica rock. Ma per quale motivo una canzone riesce a farci vivere emozioni forti? Che rapporto c’è tra psicologia e rock? Sono domande alle quali prova a rispondere Andrea Montesano, psicologo, ma anche appassionato di musica e chitarrista nel suo libro La psicologia del rock. Crescere con la musica in adolescenza (edizioni Alpes).

Uno strumento pensato per supportare psicologi ed educatori che lavorano a stretto contatto con i ragazzi ma anche rivolto a genitori e figli che vogliono conoscersi meglio attraverso i testi dei grandi miti del rock. Perchè anche ascoltare un Cd insieme o salire su un palco per suonare può essere una terapia efficace.

Continua a leggere su La Repubblica

francescotaddia

Federico Taddia

Giornalista La Stampa Nazionale

Cosa dicono di me: la Stampa

«La trasgressione, il cambiamento, la rivoluzione, le grandi domande sull’io e sul noi: il rock canta tutti i temi dell’adolescenza. Con quei testi e quelle musiche i giovani possono trovare possibili strade per costruire la propria identità». Usa le parole come se fosse il plettro, con ritmo ed energia, toccando le corde giuste alla ricerca della accordo perfetto per entrare in sintonia con le ragazze e i ragazzi.

Per Andrea Montesano, 25 anni, chitarrista per passione e psicologo per professione, la sfida sta tutta lì, nel capire come le canzoni possano aiutare a crescere. Metodologia che ha spiegato nel suo libro «La psicologia nel rock», edito da Alpes, e che pratica quotidianamente negli sportelli scolastici con i progetti di «Song therapy» ideati insieme allo psicoterapeuta Romeo Lippi.

Continua a leggere su La Stampa